Comunicato FLC CGIL di Cagliari

Purtroppo il COVID arriva ad aggravare una situazione sociale e scolastica pesantemente compromessa dal disimpegno politico e finanziario dei governi che si sono succeduti uno dopo l’altro e che, anche perseverando nel dimensionare le scuole e nell’utilizzo delle reggenze, ne peggiorano ulteriormente le condizioni.

Siamo profondamente convinti che l’unica didattica possibile, per gli alunni e per i docenti, sia quella in presenza, naturalmente garantendo a monte le condizioni di sicurezza per tutti, alunni e personale, che non sono assicurate dall’uso dei banchi a rotelle o dal distanziamento di un metro. Si sarebbe invece dovuto stabilizzare, come previsto dalle norme vigenti, il personale precario, docente ed ATA, che da anni regge la scuola insieme al personale di ruolo, al fine di ridurre il numero degli alunni per classe, per garantire il disbrigo delle pratiche amministrative, nonché adeguata sorveglianza ed igienizzazione di tutti gli spazi scolastici. 

Si sarebbero dovuti recuperare spazi scolastici esistenti ma tristemente inutilizzati e organizzare linee di trasporto appositamente dedicate agli alunni. Linee guida e Circolari sulla didattica a distanza di fatto risultano inapplicabili per la mancanza di connessione e di strumentazioni tecnologiche individuali indispensabili a garantire la sicurezza. L’ultimo DPCM, in vigore da oggi, per le ragioni ad alto indice di rischio costringe alla didattica a distanza per le seconde e terze classi della scuola media e per le scuole superiori mentre prevede la didattica in presenza per le altre classi e per i casi di alunni con particolari bisogni.

Il contratto integrativo firmato da CISL e ANIEF, sulla DDI (didattica digitale integrata) non è condiviso dalla FLC CGIL perché non stanzia risorse, non risolve il problema del personale in quarantena e consente ampi spazi di ambiguità, offrendo anche l’opportunità ad alcuni dirigenti scolastici di decretare unilateralmente l’obbligo di effettuare didattica a distanza esclusivamente da scuola pur in assenza degli alunni. Noi rileviamo che la ragione della presenza dei docenti a scuola sia proprio la presenza degli alunni. In loro assenza, cessa l’obbligo del docente di permanervi. Lo stesso DPCM prescrive intempestivamente il rinvio del Concorso cosiddetto “straordinario” per i docenti. Lo chiediamo da tempo perché si tratta di un concorso ingiusto, inutile ed, in questo momento, pericoloso. Ma il governo ha costretto moltissimi docenti a prenotare aerei, alberghi, bed and breakfast e/o quant’altro senza considerare che molti erano e sono in quarantena con le conseguenti restrizioni. Ora, dopo avere creato solamente una marea di problemi inutili, si vede costretto a sospenderlo. 

Si rileva che i lavoratori fragili precari, docenti e ATA, a fronte di rischi uguali a quelli che corre il personale di ruolo, peraltro anch’esse ancora insufficienti, non hanno ancora la garanzia delle medesime tutele nonostante le numerose richieste fatte al governo. Ancora una volta, l’ennesima, siamo di fronte ad un governo che, stabilisce e dispone senza alcun rispetto delle norme preesistenti evitando il necessario confronto con i lavoratori e con le parti sociali che li rappresentano.  Il rischio che si corre è la dipartita della cultura con forte impatto negativo sulla società e sull’economia, non solo per la pandemia in sé quanto, piuttosto, per l’inadeguatezza dei provvedimenti adottati, come dimostrano anche le ultime vicende della scuola. Per questo noi chiediamo al governo un impegno a praticare l’ascolto della categoria ed il confronto con le parti sociali che le rappresentano.

    Segreteria della FLC CGIL di Cagliari                                                                    

   Emanuele Usai, Francesca D’Agostino, Michela Caria

Scarica il comunicato e affiggilo nella bacheca della tua scuola

https://flcgilcagliari.it/wp-content/uploads/comunicato-Segreteria-FLC-CGIL-Cagliari.pdf

Avviso- Precari Scuola

Con una diretta Facebook analizzeremo le anticipazioni su graduatorie provinciali e d’istituto.
Appuntamento il 7 luglio alle ore 10.30 per chiedere informazioni e chiarire tanti dubbi, ma anche per consegnarci le vostre considerazioni o proposte. Il 7 luglio collegati alla pagina del sito FLC CGIL Nazionale

La Scuola sciopera

Ricordiamo che gli scrutini non svolti per sciopero non possono essere rinviati alle ore successive della stessa giornata (configurandosi, altrimenti, una attività antisindacale). Infatti, come sopra riportato, l’accordo attuativo della legge 146/1990 che regolamenta i servizi essenziali in caso di sciopero, prevede esplicitamente che le operazioni di scrutinio delle classi non di esame possano essere differiti non oltre cinque giorni rispetto alla scadenza programmata della conclusione. La norma, cioè, parte dalla evidente considerazione che gli scrutini non effettuati si rinviano ai giorni (e non alle ore) successivi; anche perché ragionevolmente fondata sull’idea che la riconvocazione debba seguire una procedura che non prevede la disponibile e costante presenza in sede del docente in sciopero. Ogni altra interpretazione risulta arbitraria e fuori norma e come tale impugnabile per violazione dei diritti sindacali. Ogni comportamento lesivo del diritto di sciopero deve essere comunicato immediatamente al sindacato per le iniziative opportune. Un primo intervento del Sindacato provinciale o della RSU può consistere, quando è necessario, nel diffidare il Dirigente scolastico a non attuare iniziative antisindacali

Cosa fare in occasione dello sciopero generale del prossimo 8 giugno nella scuola (adempimenti, modalità di adesione e procedure)

CONSULENZE PERSONALIZZATE INDIVIDUALI
FLC CGIL DI CAGLIARI


Per garantire la massima sicurezza agli utenti e ai collaboratori della FLC CGIL di Cagliari nei periodi dell’emergenza sanitaria è necessario programmare il ricevimento nei locali della Camera del Lavoro Metropolitana CGIL di Cagliari.
Compila il seguente modulo online per prenotare una consulenza individuale. Sarai ricontattato per telefono o per mail.
https://forms.gle/K2eY5v4NqEuV1NgMA
Prenota la tua consulenza

ASSEMBLEA IN VIDEOCONFERENZA – ECCO IL LINK

13 maggio 2020, assemblee sindacali in orario di servizio dalle ore 10.00 alle ore 13.00

COLLEGAMENTO PER ACCEDERE ALLE ASSEMBLEE IN VIDEOCONFERENZA

per le Scuole appartenenti agli USP di Cagliari e Oristano Assemblea in videoconferenza piattaforma google meet max 250 partecipanti  


https://meet.google.com/yfq-ugot-u
jy

Il personale interessato, per poter partecipare, deve collegarsi al precedente link Sarà consentito l’accesso fino a 220 partecipanti riservando i restanti per interventi richiesti da coloro che assistono in diretta streaming sul canale YT Canale YouTube per la visione della diretta streaming   https://www.youtube.com/channel/UCficABybSuSjVCM9H1A69Lg/live

Chi assiste alla diretta YT e volesse intervenire in assemblea può farne richiesta con invio mail a xassemblea@gmail.com. Sarà ammesso in ordine di richiesta.

Si informa che eventuali dati personali forniti per l’accesso alla videoconferenza o presenti nell’account utilizzato saranno trattati per la sola partecipazione all’evento e saranno distrutti entro 10 giorni dalla conclusione degli eventi.

Assemblea sindacale territoriale in videoconferenza

Carissime/i,
con l’avvio della cosiddetta “fase 2 per l’Emergenza Covid-19”, l’approssimarsi della conclusione dell’anno scolastico e dell’anno accademico e dell’avvio del nuovo anno, ancora troppe sono le problematiche aperte e le domande in attesa di risposta. In questo contesto, si rende necessario intensificare la nostra iniziativa, attraverso gli strumenti che attuale stato emergenziale ci consente di utilizzare.
Infatti, tanti sono ancora i nodi irrisolti, in particolare nella scuola l’assenza di un protocollo specifico sulla sicurezza e la tutela della salute, le criticità e i limiti evidenziati dalla didattica a distanza, le mancate stabilizzazioni del personale docente e Ata, l’assenza di un piano straordinario di investimento per potenziare gli organici e dotare le scuole di risorse e strumenti necessari, e questo solo per citare i principali.
Per tali ragioni, le Segreterie unitarie hanno deciso di promuovere per mercoledì 13 maggio 2020, una giornata di assemblee in videoconferenza da svolgersi in tutta Italia, a livello provinciale e in orario di servizio, ove possibile unitarie, con all’odg appunto le principali problematiche tuttora irrisolte, su cui verranno a breve inviati i
materiali unitari (slide che potranno essere utilizzate per lo svolgimento
dell’assemblea).
Come annunciato anche nella videoconferenza stampa unitaria dei Segretari generali, queste assemblee rappresentano un primo step di una mobilitazione che non esclude ulteriori iniziative, in mancanza di risposte e dell’apertura di un confronto con le OOSS da parte del Ministero.