Formazione Professionale: FINALMENTE l’Assessore Regionale del Lavoro convoca!!!… 2 Riunioni, una per il Personale c.d. L.R. n° 42 e una per il Personale c.d. L.R. n° 47…

 https://www.regione.sardegna.it/immagini/1_14_20041229192332.jpg   FINALMENTE l'Assessore Regionale del Lavoro ci convoca!!!…

 

Il 27 giugno 2013 CONTU convoca 2 Riunioni: una alle ore 13,00 per il Personale c.d. L.R. n° 42 e una alle ore 15,00 per il Personale c.d. L.R. n° 47…

 

Ribadiamo le cose già dette: riunioni assolutamente fuori tempo massimo che dimostrano quanto poco l'Esecutivo Regionale si preoccupi delle condizioni delle lavoratrice e dei lavoratori del settore della formazione professioanale, lasciato andare in rovina in tutti questi anni…

 

Pretendiamo risposte in questi incontri: su diritti e stabilizzazione del personale della c.d. L.R. n° 42 e sul futuro certo del personale della c.d. L.R. n° 47, il quale ultimo alcuni giorni dopo non avrà nemmeno più gli ammortizzatori sociali……

 

Pretendiamo che si attuino immediatamente le leggi regionali: quella del 2008 e quella del 2013 ….

Allegato Dimensione
formaz profess convocaz RAS LAV per oper l 42 n 1191-gab del 25 giugn 013.pdf 208.87 KB
formaz profess convocaz RAS LAV per oper l 47 n 1192-gab del 25 giugn 013.pdf 208.93 KB

Conferimenti e Mutamenti di Incarico dei Dirigenti Scolastici a.s. 2013/2014: l’USR Sardegna emana la Circolare…

E' stata emanata oggi, come previsto, da parte dell'U.S.R. Sardegna la Circolare n° 9554, che pubblichiamo, avente ad oggetto: " Mobilità professionale e interregionale – rinnovo e mutamento degli incarichi dirigenziali decorrenza 01/09/2013" …

 

La Circolare contiene le disposizioni di cui abbiamo già dato notizia in anteprima

Allegato Dimensione
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013.pdf 154.08 KB
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013 ALLEG A sedi sottodimens.pdf 32.51 KB
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013 ALLEG B ambiti.pdf 20.85 KB
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013 ALLEG C sedi libere.pdf 22.7 KB
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013 ALLEG D DIRIG SCOL senza sede.pdf 9.45 KB
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013 MOD DOMANDA.xls 111.5 KB
Mobilità D.S. 2013-014 CIRC USR SARDEGNA Prot. n° 9554 del 17 giugno 2013 ALLEG E Interreg.doc 26 KB

Formazione Professionale: Documento Unitario CGIL CISL e UIL Sarde, Confederali e di Categoria, sulle Rivendicazioni per il Personale c.d. LL.RR. nn° 42 e 47…

https://www.regione.sardegna.it/immagini/1_14_20041229192332.jpg I Sindacati Confederali Sardi hanno stilato un documento unitario in esito all'incontro dei Segretari Generali, Confederali e di Categoria, in ordine alle rivendicazioni per il Personale della Formazione Professionale c.d. LL.RR. nn° 42 e 47… ormai destinatari, rispettivamente, delle LL.RR. n° 3/2008 e 10/2013…

 

Nel contempo è stata fatta richiesta al Presidente della Giunta e all'Assessore Regionale del Lavoro di un incontro urgente…

 

Il documento e la richiesta di incontro fanno seguito alle assemblee sindacali di questo personale e dei loro documenti conclusivi e sono dunque perfettamente in linea con le rivendicazioni ivi contenute…

 

Questo a dimostrazione della forte relazione tra lavoratori e sindacato…

 

Ecco il contenuto del documento unitario:

 

Cagliari, 06 GIUGNO 2013

Documento della CGIL, CISL e UIL, confederali e di categoria, della Sardegna sulla situazione del personale della Formazione Professionale cc.dd. L.R. n° 42 e 47.
 

Il comparto della formazione professionale della Sardegna è stato fatto oggetto in questi anni di politiche sbagliate ed interventi solo distruttivi, che ne hanno compromesso l’importante missione sociale, colpendo anzitutto i giovani e tutti i fruitori delle attività formative e, quindi, tutti gli operatori del sistema regionale.

 

La riforma del sistema integrato di istruzione e formazione in Sardegna va certamente assunta quale obiettivo qualificante dell’azione di governo; ma in questo momento è urgente trovare una risposta adeguata alla questione del lavoro in questo settore, che riguarda centinaia di persone, lasciate o in una ingiusta condizione di precarietà e incertezza di prospettive o in balia degli ammortizzatori sociali, tutte quante vittime di scelte politiche che non hanno mantenuto gli impegni di riforma assunti.

 

Il sindacato confederale si batte da anni per la stabilizzazione del personale inserito nella Lista Speciale ad Esaurimento con la Legge Finanziaria Regionale n° 3/2008 (323 persone c.d. ex L.R. 42/89). Per questo personale va rapidamente completato il percorso sancito dalla legge, che prevede la sua fuoriuscita dal Fondo regionale dedicato al precariato, la inequivoca definizione del suo status giuridico, in quanto personale già occupato a tempo indeterminato, e il trasferimento in via definitiva dei lavoratori e delle lavoratrici all’Assessorato Regionale competente in materia di personale. In questo senso, il sindacato condivide e chiede la rapida approvazione da parte del Consiglio regionale del DdL collegato alla finanziaria, che all’art. 4 prevede specifiche “Disposizioni in materia di organizzazione e di personale.

 

Contemporaneamente all’elaborazione del DdL collegato alla Finanziaria, il Consiglio Regionale della Sardegna ha approvato un provvedimento di legge in materia di “Omogeneizzazione organizzativa del comparto della formazione professionale”, la legge n. 10 del 29 aprile 2013, precipuamente destinato, per quanto attiene al settore della formazione professionale, al personale della c.d. L.R. n° 47.

 

Le OO.SS. ritengono, dunque, indifferibile un tavolo di confronto con l’Assessorato competente dedicato a questo gruppo di lavoratori, per i quali si profila l’imminente scadenza a giugno degli ammortizzatori sociali, per individuare i criteri finalizzati all’applicazione della suddetta legge 10/2013, accelerando il processo per mettere in sicurezza questo personale senza lavoro e prossimamente forse privo di protezione sociale.

 

Nell’ambito del confronto fra Assessorato del Lavoro e organizzazioni sindacali dovrà essere affrontata la necessità di trovare soluzioni adeguate al complesso dei lavoratori impiegati ai sensi delle L.R. 47 e non soltanto ad una parte di essi. Tale questione è imprescindibile poiché tutti gli Enti di Formazione Professionale hanno dichiarato lo “stato di crisi”, così come prevede la legge n. 10 e, pertanto, il bacino degli operatori interessati dalla sanatoria va riferito alla totalità del personale interessato.
 

 

I Segretari Gen.li               I Segretari Gen.li

     Cgil-Cisl-Uil            FLC Cgil-Cisl Scuola-Uil Scuola
Carrus–Putzolu–Ticca      Loddo-Oggiano-Maccioccu

Dimensionamento Rete Scolastica: inapplicabili le disposizioni dell’ultima Delibera Regionale del 14 maggio… Come avevamo previsto!…

Come avevamo previsto!

 

Le ultime decisioni della Regione in materia di dimensionamento, rimarranno lettera morta!…

 

L'U.S.R. Sardegna (ri)manda a dire che non se ne fa nulla…

 

… tranne che per la situazione relativa all'I.M. "E. D'Arborea" di Cagliari…

 

Sul punto peraltro si sta concretizzando un enorme pasticcio dovuto all'agire oltremodo tardivo dell'Amministrazione scolastica e della Provincia, che solo in questi giorni hanno coinvolto le famiglie ricevendo un netto "niet" ad ogni modifica relativa alla scelta dell'offerta formativa come fatta al momento dell'iscrizione…

 

Risultato: non solo il  mastodontico "D'Arborea" non si riduce nei numeri ma aumenta e va incontro all'esigenza di avere ulteriori aule e spazi (dove?) ponendo dunque un problema di edilizia scolastica e di sicurezza…

 

… Inoltre è ormai prossima la scadenza "chiusura area" informatica per l'attribuzione dell'organico di diritto ad ogni scuola: dunque ogni successivo cambiamento danneggerà trasferimenti e creerà soprannumerariato: inaccettabile!!…

 

… Ciò che era facilmente gestibile con una semplice attività di orientamento, fatta per tempo, delle iscrizioni, anche per la faclie reperibilità della stessa offerta formativa nela stesso contesto urbano della città, è diventata, per l'operoso intervento degli U.C.A.S. (uffici complicazione afffari semplici) un inestricabile pasticcio… complimenti!…

Allegato Dimensione
Provvedimento modifica dimensionamento Decr USR SARD prot n 7999 del 23-05-2013.pdf 116.73 KB

Esiti Riunioni in U.S.R. Sardegna su Rideterminazione fasce Istituzioni Scolastiche Sarde…

  Nella riunione dell’11 marzo sulla rideterminazione delle fasce per le Istituzioni Scolastiche della Sardegna l’Amministrazione ci ha presentato una proposta di criteri, per la determinazione delle fasce, ripresa dal CCDR del 2006 (in allegato), attinenti:

 

  • A)    la dimensione,
  • B)    la complessità
  • C)    e il contesto territoriale delle singole istituzioni scolastiche.

Il criterio della dimensione contiene i dati di organico: alunni, docenti, personale ATA.

Quello della complessità fa riferimento al grado di scolarità, alla presenza di indirizzi, al n° delle sedi, alla strutturazione del territorio, alla presenza di laboratori/officine ordinamentali, alle sedi particolari (CTP, serali, ITS.), ad altre particolarità (convittualità, aziende agrarie), al tempo scuola (pieno, prolungato), all’handicap, alunni stranieri.

Quello del contesto territoriale ha riguardo al disagio (socio-economico, piccole isole, montagna) e al pendolarismo.

Questi macrocriteri avranno un peso globale, risultante dal peso delle specifiche voci in essi contenute.

Indi ne verrà fuori un massimale di punteggio che fatto corrispondere a 100 è dato dal 29% del macrocriterio “dimensione”, dal 64% del macrocriterio “complessità” e dal 5,5% del macrocriterio “contesto territoriale”.

Questi dati informativi sarebbero stati acquisiti per il tramite della somministrazione di un questionario alle scuole, effettivamente inviato il 18 aprile, che sarebbe stato poi restituito all’USR. Tale questionario che prima doveva essere somministrato ad un campione è stato di fatto esteso a tutte le scuole…

Nell’incontro del 17 maggio ci è poi stato comunicato che il formulario, seppure talvolta incompleto o con errori, anche a causa della non sufficiente chiarezza del formulario medesimo, è stato restituito dalla gran parte delle scuole sarde.

Su questo punto è stato previsto un nuovo invio, con un formulario più preciso e fornito di dettagliate istruzioni, in modo da poter far riferimento a dati omogenei riferiti all’O.D. 2013/2014: il che significa che l’acquisizione sarà differenziata a seconda dei gradi ed ordini di scuola, seguendo la tempistica di definizione del relativo o.d., spingendosi per le secondarie di II° grado fino alla prima parte di giugno…

Comunque è già stato redatto un Tabulato, nel quale sono già collocate di massima le prossime 315 Autonomie Scolastiche sarde a. s. 2013/2014… Tale Tabulato è stato vagliato a campione o per conoscenza diretta di varie scuole rilevando errori, approssimazioni, ripetizioni. Dunque la necessità di un'ulteriore scrupolosa verifica che si avvarrà anche del rinvio del questionario, da ritarare…

L’amministrazione ha comunicato che la sua proposta viene formulata in adempimento da quanto disposto dal “Contratto Integrativo Regionale in materia di determinazione Fondo Regionale: Retribuzione di Posizione e di Risultato per i Dirigenti Scolastici Area V della Sardegna (a. s. 2011/2012)” siglato il 17 aprile 2012.

Recita il CCDR: “… si ravvisa l’opportunità di procedere nel contempo alle operazioni di aggiornamento delle fasce di complessità di tutte le istituzioni scolastiche mediante la costituzione di un apposito gruppo di lavoro, i cui risultati saranno utilizzati per il prossimo CIR relativo all’anno scolastico 2012/2013…”

Ma, mentre quell’impegno di aprile era traguardato alla stipula di un CCDR in tempi utili per il successivo anno scolastico, prima cioè della mobilità dell’anno scolastico in corso, oggi un CCDR di riscrittura integrale delle fasce relativo all’ormai andato a.s. 2012/2013 pone una serie di problemi molto delicati:

 

  • a)    in primo luogo scuole che al momento dell’accettazione dell’incarico erano inquadrate in una determinata fascia potrebbero finire in una inferiore: cozzando con il disposto del CCNL che vieta la riduzione in corso di contratto della retribuzione di posizione;
  • b)    in secondo luogo vanno a scadenza una grande quantità di contratti individuali che dovrebbero essere rinnovati a partire dal prossimo anno scolastico, rendendo possibile, traguardandoci al 2013/2014,  dunque disinnescare il problema di cui alla lettera precedente;
  • c)    l’incombere di un nuovo dimensionamento riguardante la eliminazione di circa 17 autonomie scolastiche, portando le attuali 331 autonomie alle prossime 314;
  • d)    il fatto che si arriverà a definire questo nuovo inquadramento ormai in estate prossima, ad anno scolastico chiuso, anche per le notevoli difficoltà della stessa amministrazione scolastica (USR con organico ridotto al lumicino);
  • e)    il rischio che una operazione del genere, proprio per le considerazioni precedenti, possa innescare una mole di contenziosi;
  • f)    il fatto che per poter garantire l’applicazione del disposto contrattuale di cui alla lettera a) sia necessario accantonare una ragguardevolissima cifra del CCDR, di fatto annullando ogni portata della riscrittura di fasce per il 2012/2013.

 

Tutte queste considerazioni ,fatte dalla FLC CGIL della Sardegna, anche da sola, hanno poi portato nell’incontro del 17 maggio a convenire sul fatto che la completa ricollocazione delle 315 Autonomie scolastiche sarde avverrà con effetti sul prossimo a.s., in tempo utile per consentire una mobilità dei dirigenti alla luce di  questo nuovo quadro di sistemazione delle scuole…

Invece, su proposta della FLC CGIL della Sardegna, il dimensionamento scolastico disposto con la delibera regionale del 2012, e che si è realizzato concretamente nel corrente a.s. 2012/2013, verrà trattato con i consueti provvisori criteri già sperimentati negli ultimi anni scolastici e contenuti proprio nel CCDR del 2011/2012. La FLC ha sostenuto che non sarebbe possibile applicare altri criteri, come quelli che serviranno per la riscrittura delle fasce, per la loro disomogeneità rispetto a quelli usati in analoghe situazioni negli anni passati nonchè per il rischio di contenziosi. Del pari non potranno, ai fini del CCDR 2012/2013, essere riviste situazioni di scuole con dimensionameno risalente, già trattato precedentemente, neppure in presenza di significative variazioni, che ormai riguardano moltissime scuole… Ma la provvisorietà dell'operazione appunto impedirà di produrre effetti definitivi, che anzi saranno corretti con la riscrittura fasce ormai alle porte…

Nell’incontro dell’11 marzo vennero apportate alcune variazioni ai criteri e al loro peso:

 

  • a)    ulteriore dettaglio nella considerazione del numero degli alunni, suddividendo lo scaglione 600/800 alunni nei due 600/700 e 700/800 con relativa pesatura (invariato il massimale del peso componente alunni);
  • b)    previsione di un ulteriore scaglione numero docenti >101 e relativa peso;
  • c)    aumento del numero minimo di indirizzi per essere apprezzati e pesati, e valutazione differenziata degli scaglioni 3/5 e >6, essendo peraltro naturale che nelle secondarie di II° grado non possono non esistere;
  • d)    aumento del peso presenza CTP e diminuzione di quello dei corsi serali;
  • e)    per la variabile alunni disabili sono stati introdotti ulteriori scaglioni ad accogliere e valutare la massiccia presenza di alunni disabili: scaglione >35;
  • f)    lo stesso vale per la presenza di alunni stranieri: aggiunto lo scaglione >30;
  • g)    è stato eliminato il criterio “socio-economico: di difficile valutazione;
  • h)    in una considerazione di persistenza di 4 fasce furono ritarati i punteggi per essere inquadrati nella Fasce A-B-C-D.

Bisogna dire che il peso percentuale reciproco dei tre macrocriteri (“dimensione”, “complessità” e “contesto territoriale”) è variato rispetto al 2006, anno di inquadramento delle scuole sarde nelle fasce.

Allora il macrocriterio “dimensione” valeva il 36%, la complessità il 56% e il contesto territoriale l’8%. Ora, come già detto, “dimensione” vale il 29%, “complessità” il 64%, “contesto territoriale” il 5,5%. Andrà bene?…

Sul punto delle Fasce, che peraltro in origine, 2006, vedevano certe consistenze numeriche (Fascia A il 10%, B e C il 40% ciascuna e D il 10%; mentre oggi ex CCDR 2011/2012, a seguito dei vari dimensionamenti, ha portato la Fascia a valere il 12,3%, la B il 46,25%, la C il 35,56% e la D il 5,89%), la FLC CGIL della Sardegna ha però fatto le seguenti considerazioni che riproporrà:

 

  • 1.    ormai il dimensionamento, non ancora concluso, sta portando ad duna sostanziale omogeneizzazione delle autonomie che rendono superata una eccessiva articolazione di fasce. Dunque tre sono più che sufficienti e tiene più vicine scuole con risibili differenze;
  • 2.     è necessario, aldilà del “precipitato tecnico” in ragione di una rigida applicazione dei criteri e dei pesi, come allo stato definiti, che in ogni fascia sia presente in maniera adeguata ogni ordine e grado di scuola, oltre che ogni provincia;
  • 3.    una eccesiva divaricazione economica tra le fasce proprio in ragione della considerazione di cui a numero 1) sarebbe ingiustificata;
  • 4.    è’ necessario stabilire con equilibrio la consistenza numerica interna della varie fasce: quante scuole e quale percentuale in ognuna di esse;
  • 5.    è necessario un serio ragionamento in ordine alle scuole sottodimensionate, circa 44 a fronte di circa 272  normo dimensionate, considerando anche che andranno a reggenza e saranno poi destinate a sparire e avuto riguardo alla consistenza economica del CCDR.

 

Con la decisione di spostare la riscrittura delle fasce a valere sul 2013/2014 è chiaro che siamo immediatamente in condizioni, fatto l’aggiustamento per quelle scuole coinvolte nel dimensionamento disposto nel 2012 e realizzato nel corrente a.s. 2012/2013, secondo i consueti criteri già utilizzati, di firmare il nuovo CCDR 2012/013 sul Fondo Regionale per le Retribuzioni Accessorie (retribuzione di posizione e di risultato)…

La FLC CGIL ha nuovamente posto la questione dell’obbligo per i Dirigenti Scolastici di assolvere all’incarico di Presidente di Commissione di Esame per le scuole secondarie di I° Grado, laddove gli stessi abbiano fatto inevasa richiesta di svolgere l’incarico di Presidente di Esame delle Scuole Secondarie di II° Grado..

La FLC CGIL ha chiesto l’esonero da tale obbligo perlomeno nei casi in cui sia stato trovato un sostituto, come era prassi consolidata fino a pochi anni fa. L’Amministrazione, comunque adducendo la norma al riguardo che prevede appunto l’obbligo della prestazione, ha anche aggiunto l’insuperabile difficoltà, oggi, per l’amministrazione, per carenza drammatica di personale, di gestire questo meccanismo sostitutivo che spesso riguardava un ragguardevole numero di casi..…

Aggiorneremo sugli sviluppi… anche in ragione dei rilievi e considerazioni dei dirigenti scolastici …

Allegato Dimensione
Circ. Fasce Complessità USR SARDEGNA prot n 6280 del 18-04-2013.pdf 70.45 KB
Circ. Fasce Complessità USR SARDEGNA prot n 6280 del 18-04-2013 ALLEG Man Fasce Diritto.pdf 16.35 KB
Determinazione FASCE 2013.xls 25.5 KB
CIR AREA V Fondo REG RETRIBUZ ACCESS 2011-12 siglato il 17 apr 012.pdf 140.74 KB
USR CCDR Contratto_classif_scuole_07 dell'111 dic 06.pdf 91.73 KB
ORGANICO DS dimensionamento al 18 aprile 2013.pdf 24.94 KB
Confr IST SCOL AUTONOME 12-13 13-14 del 10 magg 013.pdf 111.5 KB
Esami STATO I ciclo_ Presidenza Obbligo Decr ATP CA n 2696 del 14 marzo 013.pdf 30.61 KB