Documento dell’Assemblea Sindacale del 28 maggio 2013 delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale della Lista Speciale ad Esaurimento ex L.R. n° 3/2008….

https://www.regione.sardegna.it/immagini/1_14_20041229192332.jpg L'Assemblea delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale della Lista Speciale ad Esaurimento ex L.R.n°3/2008 ha adotttato un documento

che qui pubblichiamo, facendo nostro l'auspicio dell'unità delle lavoratrici e dei lavoratori della formazione professionale e anche della unitareità sindacale..

ci pare di vedere elementi comuni con il documento dellle Lavoratrici e dei Lavoratori c.d. della L.R. n° 47… già pubblicato

 

 

Documento Assemblea del 28 maggio 2013
delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale (ex L.R. n° 42)
inseriti nella Lista Speciale ad Esaurimento L.R. n° 3/2008.

La partecipata assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori della Formazione Professionale (ex L.R. n° 42) inseriti nella Lista Speciale ad Esaurimento L.R. n° 3/2008, tenutasi il 28 maggio 2013,

 

denuncia la situazione in cui le operatrici e gli operatori inseriti nella Lista, oltre 320 unità, versano da ben 5 anni:

 

  • scarso o inesistente e/o selvaggio utilizzo delle loro professionalità, con progressivo smantellamento di luoghi e modalità di ricollocazione;
  • inesistenza di contrattazione integrativa regionale sia normativa che economica;
  • non applicazione del Contratto Nazionale di Riferimento, a fronte della pretesa di imporre regole e norme esclusivamente peggiorative di altri comparti;

 

 

denuncia il grave stato in cui è ridotta la Formazione Professionale in Sardegna, contrassegnata dal progressivo azzeramento della azioni a gestione diretta, dal riproporsi di note politiche sul personale da parte degli Enti gestori che, dopo essersi liberati del personale che avevano in organico, assoggettandoli a misure di ammortizzazione sociale, riprendono con le pratiche clientelari di assunzione;

 

ritiene ormai necessario procedere sulla via della Riforma dell’Istruzione e della Formazione Professionale in Sardegna, con l’adozione di adeguate norme regionali;

 

considera ormai maturo il tempo per la definizione dello status giuridico, in termini inequivoci e stabili, del personale della Lista ad Esaurimento, di cui alla L.R. n° 3/2008, iscritto alla data del 31 dicembre 2008, pretendendo, ad esempio, nell’immediato, in quanto lavoratrici e lavoratori a tempo indeterminato, la fuoriuscita dal Fondo della Finanziaria dedicato al precariato e il trasferimento all’Assessorato Regionale competente in materia di personale e dando tempestiva attuazione al dettato della L.R. n° 3/2008;

 

esprime preoccupazione per la contrapposizione che si sta verificando con l’altro personale della formazione, destinatario di una recentissima legge regionale, riaffermando che la nota firmata dalla quasi totalità delle operatrici e degli operatori della Lista ad Esaurimento, lungi dal configurarsi contro qualcuno, rappresenta un alto momento di unità profonda della categoria impegnata nel definire un’articolata proposta di superamento della loro inaccettabile attuale situazione;

 

pretende il rispetto delle Leggi Regionali, chiedendo all’Esecutivo Regionale di osservarle e attuarle: non si può certo invocare alcuna cultura di legalità se i soggetti istituzionali sono i primi a violare gli atti fondamentali della sovrana Assemblea Legislativa Regionale;

 

rilancia la mobilitazione auspicando unitarietà sindacale e delle lavoratrici e dei lavoratori della formazione professionale.

 

L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori della Formazione Professionale (ex L.R. n° 42) inseriti nella Lista Speciale ad Esaurimento L.R. n° 3/2008 perciò

proclama lo stato di agitazione
e si dichiara pronta ad intraprendere azioni di lotta adeguate.

Allegato Dimensione
comunic n 684 FLC CGIL Sardegna DOCUMENTO ass sindac F.P. legge 42 LISTA SPEC ESAURIM del 28 magg 013.pdf 93.55 KB

Documento dell’Assemblea Sindacale del 22 maggio 2013 delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale c.d. della L.R. n° 47…

https://www.regione.sardegna.it/immagini/1_14_20041229192332.jpg L'Assemblea delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale     

 c.d. della L.R.n° 47 ha adotttato un documento che qui pubblichiamo, facendo nostri la "…loro preoccupazione per la tensione e la contrapposizione che si sta creando con le altre lavoratrici e gli altri lavoratori della c.d. L.R. n° 42 e il loro auspicio per una composizione e per l’avvio di una vertenza unitaria volta al raggiungimento dei comuni diritti…"

 

… Tale preoccupazione sarà certamente presente anche alle lavoratrici e ai lavoratori della c.d. L.R. n° 42

 

Documento Assemblea del 22 maggio 2013
delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale c.d. della L.R. n° 47.

 

 

La partecipatissima assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori della Formazione Professionale c.d. della L.R. n° 47 tenutasi il 22 maggio 2013,

considera importante il positivo risultato ottenuto con il varo della Legge Regionale n° 10 del 29 aprile 2013 perché consente di porre fine alla drammatica situazione di precarietà del personale, chiudendo con la provvisoria fase degli ammortizzatori sociali e restituendo il diritto pieno al lavoro stabile e duraturo.

Questo risultato viene al termine di una lunga battaglia che ha avuto un momento significativo con la firma del Verbale di accordo del 10 novembre 2010 con l’Assessore Regionale del Lavoro che propriamente parlava di “… procedere con IMMEDIATEZZA alla definizione di misure e risorse per il personale della legge 47, anche in regime di mobilità in deroga (ovvero non più dipendente di alcun  Ente/Agenzia), volte a ricostituire, specialmente nel settore della formazione professionale, rapporti di lavoro anche ricorrendo a forme di utilizzo presso Enti pubblici locali e territoriali e con l'utilizzo delle risorse impegnate nei Piani di formazione professionale…".

Le lavoratrici e i lavoratori della c.d L.R. n° 47 ora chiedono con urgenza di procedere concretamente all’attuazione della legge con ogni azione amministrativa e organizzativa di competenza della Regione.

La stessa legge, varata con una procedura d’urgenza, in quanto relativa a persone a forte rischio di fuoriuscita dal mercato del lavoro, pretende un processo attuativo contrassegnato dagli stessi caratteri d’urgenza.

Peraltro nessun ostacolo, di tipo formale o tecnico, può essere addotto come motivo a giustificare inescusabili ritardi:

  • il legislatore ha inteso tutelare con questa legge prioritariamente quei lavoratori che al 31/12/2012 risultavano licenziati e in mobilità in deroga o sospesi dal lavoro e in CIGS con scadenza degli ammortizzatori sociali al 30 giugno 2013, già titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ai sensi della Legge Regionale 10 giugno 1979, n° 47 (Ordinamento della formazione professionale in Sardegna);
  •  i numeri e l’elenco dei lavoratori interessati dal provvedimento sono in possesso dell’Assessorato;
  • le norme attuative possono seguire per analogia quelle predisposte a suo tempo per l’iscrizione alla lista speciale dei lavoratori appartenenti all’albo di cui all’articolo 1 della Legge Regionale n° 42 del 1989.

 

Quest’ultimo punto viene anche dalla considerazione che la Legge di aprile scorso pone con decisione l’obiettivo della “Omogeneizzazione organizzativa nel comparto della formazione professionale”, ulteriormente ribadito proprio con il far riferimento alla “lista speciale di cui all'articolo 6, comma 1, lettera f), della legge regionale 5 marzo 2008, n. 3 (legge finanziaria 2008).", cui ogni operatore può a domanda essere iscritto a cura dell’Assessorato del Lavoro.

In questo senso le lavoratrici e i lavoratori della formazione professionale della L.R. n° 47 esprimono preoccupazione per la tensione e la contrapposizione, a loro avviso immotivati, che si sta creando con gli operatori della c.d. L.R. n° 42 che ottennero, giustamente, a suo tempo, le misure e le garanzie della richiamata Legge Finanziaria Regionale del 2008. Pure quel risultato fu l’approdo di una lunga battaglia sindacale cui contribuirono anche lavoratrici e lavoratori della L.R. n° 47.

Le lavoratrici e i lavoratori c.d della L.R. n° 47 auspicano perciò una composizione e l’avvio di una vertenza unitaria volta al raggiungimento dei comuni diritti, anche per evitare che la contrapposizione fornisca alibi a chi “lavora” contro l’attuazione delle Leggi Regionali nn° 10/2013 e 3/2008.

Le lavoratrici e i lavoratori c.d. della L.R. n° 47 in considerazione dell’approssimarsi della scadenza degli ammortizzatori sociali, che considerano ormai una misura superata e non riproponibile, preoccupati per l’inerzia dell’Assessorato Regionale, che peraltro non ha ancora inspiegabilmente accolto la richiesta di incontro che CGIL, CISL e UIL hanno recentemente preteso sulla questione, a sostegno della stessa,

proclamano lo stato di agitazione
e si dichiarano pronti ad intraprendere azioni di lotta adeguate.

 

Allegato Dimensione
comunic n 683 FLC CGIL Sardegna DOCUMENTO ass sindac F.P. legge 47 del 22 magg 013.pdf 95.62 KB

Assemblea Sindacale per le Lavoratrici e i Lavoratori della c.d. L.R. n° 42 (Lista Speciale ad Esaurimento ex L.R. 5 marzo 2008, n. 3)…

Assemblea Sindacale per le Lavoratrici e i Lavoratori della c.d. L.R. n° 42 (Lista Speciale)…

Dopo la partecipata assemblea sindacale di ieri da parte delle lavoratrici e dei lavoratori della c.d L.R. n° 47, su richiesta stessa delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale della c.d. L.R. n° 42 (Lista Speciale) è indetta, presso la C. del L. M. di Cagliari il 28 maggio 2013, alle ore 10,00,  un'assemblea per discutere della situazione del settore e delle opportune iniziative per il perseguimento dei diritti del personale, come sanciti all'articolo 6, comma 1, lettera f), della legge regionale 5 marzo 2008, n. 3 (legge finanziaria 2008)…

 

Come FLC CGIL siamo intenzionati a ricomporre il fronte delle rivendicazioni evitando sterili contrapposizioni che fanno il gioco di tutti quelli che "lavorano" per impedire che si raggiungano i giusti risultati per i quali si sono fatte tante battaglie, purttoppo non ancora concluse….

Allegato Dimensione
comunic n 682 flc cgil sardegna ass sindac FP legge 42del 28magg 013.pdf 119.65 KB

Assemblea Sindacale per le Lavoratrici e i Lavoratori della c.d. L.R. n° 47…

Su richiesta stessa delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Formazione Professionale della c.d. L.R. n° 47 è indetta, presso la C. del L. M. di Cagliari il 22 maggio 2013, un'assemblea per discutere della situazione del settore, specie dopo la approvazione della Legge Regionale n° 10 del 29 aprile 2013 che contiene disposizoni riferentesi proprio a questo personale….

 

 

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XIV LEGISLATURA

LEGGE REGIONALE 29 APRILE 2013, N. 10

Disposizioni urgenti in materia di lavoro e nel settore sociale

                                                                        ***************

Art. 1
Operatività delle competenze in materia di servizi per il lavoro

1. Nelle more del riordino istituzionale degli enti territoriali e del sistema dei servizi per il lavoro e lo sviluppo, il personale impiegato a valere sulle misure 3.1, 3.4 e 3.10 del POR Sardegna 2000/2006, compreso il personale professionalizzato di CSL della Provincia di Carbonia Iglesias, indipendentemente dalla forma contrattuale applicata, nonché quello di cui all'articolo 2, comma 5, della legge regionale 13 settembre 2012, n. 17 (Finanziamento agli enti locali per il funzionamento dei Centri servizi per il lavoro (CSL), dei Centri servizi inserimento lavorativo (CESIL) e delle Agenzie di sviluppo locale e disposizioni varie), è trasferito all'Agenzia regionale per il lavoro.

2. Il trasferimento del personale di cui al comma 1 avviene entro i trenta giorni successivi alla pubblicazione della presente legge nel Bollettino ufficiale della Regione autonoma della Sardegna (BURAS), mantenendo presso l'Agenzia regionale del lavoro la tipologia contrattuale in essere alla data di approvazione della presente legge, ovvero l'ultimo contratto operante negli ultimi diciotto mesi.

3. In attesa del riordino di cui al comma 1, il personale continua ad operare con le stesse funzioni precedentemente svolte presso gli enti territoriali di provenienza, al fine di dare continuità e garantire le competenze delegate.

4. L'Agenzia regionale per il lavoro adegua, qualora necessario, la propria pianta organica ed avvia entro novanta giorni dalla data di approvazione della presente legge le procedure per l'espletamento di "corsi-concorso" con riguardo alla esperienza lavorativa maturata.

5. La procedura selettiva individuata dal presente articolo si conclude entro il 31 dicembre 2013.

6. Agli oneri derivanti dall'attuazione del presente articolo si fa fronte con lo stanziamento iscritto alla UPB S06.06.004 in conto residui e, successivamente alla sua approvazione, nei corrispondenti capitoli ed UPB del bilancio annuale 2013 e in quello pluriennale.

 

Art. 2
Operatività dei PLUS

1. Per consentire la piena operatività dell'Ufficio di piano di ciascun Piano unitario locale dei servizi (PLUS) anche gli oneri relativi a detto personale sono da considerarsi oneri correlati all'esercizio di funzioni specifiche del settore sociale.

 

Art. 3
Indennità degli organi di controllo e revisione

1. In via di interpretazione autentica, l'articolo 6, comma 4 bis, della legge regionale 23 agosto 1995, n. 20 (Semplificazione e razionalizzazione dell'ordinamento degli enti strumentali della Regione e di altri enti pubblici e di diritto pubblico operanti nell'ambito regionale), introdotto dall'articolo 18 comma 7, della legge regionale 30 giugno 2011, n. 12 (Disposizioni nei vari settori di intervento), si interpreta nel senso che le indennità ivi previste competono anche ai componenti degli organi di controllo e di revisione nominati prima dell'entrata in vigore della legge n. 12 del 2011.

 

Art. 4
Omogeneizzazione organizzativa nel comparto della formazione professionale

1. Nelle more della riorganizzazione del comparto della formazione professionale, il personale cessato o sospeso dal lavoro entro il 31 dicembre 2012 e che alla medesima data risultava inserito nel bacino degli ammortizzatori sociali in deroga, già titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ai sensi della legge regionale 10 giugno 1979, n. 47 (Ordinamento della formazione professionale in Sardegna), può essere iscritto a domanda, a cura del competente Assessorato, alla lista speciale di cui all'articolo 6, comma 1, lettera f), della legge regionale 5 marzo 2008, n. 3 (legge finanziaria 2008). Per l'attuazione della presente disposizione si provvede con le somme già stanziate dall'articolo 9, comma 2, della legge regionale 1° febbraio 2013, n. 2 (Autorizzazione all'intervento finanziario della SFIRS Spa per l'infrastrutturazione, il risparmio e l'efficientamento energetico dell'area industriale di Portovesme – Sulcis, incremento della dotazione finanziaria relativa agli interventi per il Parco geominerario e norme urgenti in materia di sostegno al reddito dei lavoratori in regime di ammortizzatori sociali). Il comma 1 dell'articolo 9 della legge regionale n. 2 del 2013 è conseguentemente soppresso.

 

Art. 5
Entrata in vigore

1. La presente legge entra in vigore nel giorno della sua pubblicazione nel BURAS.

 

Allegato Dimensione
comunic n 681 flc cgil sardegna assemblea sindancle lavoratr-ori f.p. lege 47 magg 013.pdf 84.09 KB

Richiesto un incontro al Ministero dell’Istruzione sull’applicazione in Sardegna dell’Intesa Nazionale del 10 marzo 2010 sulla retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti scolastici…

Continua l’impegno come organizzazione sindacale sul fronte del riconoscimento dei diritti dei dirigenti scolastici in Sardegna, in ragione degli impegni presi di fronte alle "presenze all’assemblea dei dirigenti" il 16 maggio 2011.

Le segreterie nazionali dietro nostra richiesta hanno a loro volta richiesto a Biondi e Filisetti, ripettivamente Capo Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali  e  Direttore Generale per la politica finanziaria e  per il bilancio del M.I.U.R., un incontro "sull’applicazione in Sardegna dell’Intesa Nazionale del 10 marzo 2010 Area V della dirigenza scolastica"
 

Allegato Dimensione
Dirig scol RICHIESTA INC MIUR FLC CGIL, CISL scuola, UIL scuola, SNALS confsal applic in Sardegna Intesa Naz 10 marzo 010 giugn 011.pdf 142.78 KB

Condannato il Presidente Regionale dell’A.N.P. per Comportamento antisindacale… con pagamento spese legali…

Vittoria della FLC CGIL di Nuoro: il Tribunale di Nuoro condanna due dirigenti scolastici per comportamento antisindacale. Anche per il Presidente Regionale dell’Associazione Nazionale Presidi della Sardegna, Dirigente Scolastico del Liceo Scientifico Statale "Fermi" di Nuoro, vi è la dichiarazione di comportamento antisindacale, con obbligo di pagare anche spese di giudizio, "…per non  aver effettuato la contrattazione integrativa di cui all’art. 6, lettere h, i ed m., del CCNL 2006/2009…".

Parliamo cioè di:

"-  modalità di utilizzazione del personale docente in  rapporto al piano dell’offerta formativa e al piano delle attività e modalità di utilizzazione del personale ATA in relazione al relativo piano delle attività formulato dal DSGA, sentito il personale medesimo;
– criteri riguardanti le assegnazioni del personale docente, educativo ed ATA alle sezioni staccate e ai plessi, ricadute sull’organizzazione del lavoro e del servizio derivanti   dall’intensificazione delle prestazioni legate alla definizione dell’unità didattica. Ritorni pomeridiani;
– criteri e le modalità relativi alla organizzazione del lavoro e all’articolazione dell’orario del personale docente, educativo ed ATA, nonché i criteri per l’individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto."

 

La contrattazione di scuola, dunque, si fa rispettando il Contratto nazionale della scuola…. come sempre abbiamo sostenuto

E la maggior parte dei dirigenti scolastici ha convenuto con noi…

 

Continua la sequenza delle vittorie della FLC CGIL della Sardegna, specie della FLC CGIL di Nuoro, guidata dalla Compagna Antonella Cidda….

 

 Pubblichiamo il testo dei decreti del Tribunale

 

 

Viene dichiarato comportamento antisindacale, "…per non  aver effettuato la contrattazione integrativa di cui all’art. 6, lettere h, i ed m., del CCNL 2006/2009…", inoltre, anche quello della Dirigente Scolastica del IV Circolo Didattico Statale "Furreddu" di Nuoro. Anche in tal caso la causa è stata intentata e vinta dalla FLC CGIL di Nuoro…

 

Vedi anche la notizia sul sito della FLC CGIL Nazionale…

Allegato Dimensione
Decreto Tribunale di Nuoro 162 del 1 giugno 2011 – Comportamento antisindacale per rifiuto contrattazione integrativa.pdf 2.24 MB
Decreto Tribunale di Nuoro 163 del 1 giugno 2011 – Comportamento antisindacale per rifiuto contrattazione integrativa.pdf 2.2 MB