Pubblichiamo di seguito la comunicazione inviata dal Segretario Generale della FLC CGIL di Cagliari Emanuele Usai ai Dirigenti Scolastici e al personale della scuola sull’applicazione delle disposizioni nazionale della Didattica Digitale integrata

Poichè l’aggravarsi del quadro epidemiologico e l’entrata in vigore del DPCM del 4 Novembre 2020 hanno riportato le scuole secondarie di secondo grado alla Didattica a distanza per tutto il monte orario settimanale, si ritiene opportuno richiamare l’attenzione sull’applicazione delle linee guida sulla DDI pubblicate dal Ministero dell’Istruzione con decreto n. 89 del 7 agosto 2020 . Nello specifico preme sottolineare che nell’allegato A delle sopracitate linee guida, si specifica che “nel caso in cui la DDI divenga strumento unico di espletamento del servizio scolastico, a seguito di eventuali nuove situazioni di lockdown, saranno da prevedersi quote orarie settimanali minime di lezione – Scuola secondaria di secondo grado: assicurare almeno venti ore settimanali di didattica in modalità sincrona con l’intero gruppo classe, con possibilità di prevedere ulteriori attività in piccolo gruppo nonché proposte in modalità asincrona secondo le metodologie ritenute più idonee.

Risulta alla scrivente OS che ciascuna istituzione scolastica si sia dotata di misure che spesso non trovano alcun conforto normativo, ma che derivano direttamente dal CCNI sulla DAD, (sottoscritto da Anief e Cisl) , l’obbligo di effettuare la didattica a distanza necessariamente da scuola pur in assenza degli alunni. Tale interpretazione è, a nostro parere, illegittima dal momento che la presenza dei docenti a scuola è legata proprio alla presenza degli studenti; nel caso di assenza degli alunni tale obbligo viene a mancare. Parimenti non è legittima la trasposizione dell’orario scolastico in presenza con quello a distanza; proprio alla luce delle indicazioni delle Linee guida è necessaria una rimodulazione delle attività sincrone che sia funzionale al processo di insegnamento e apprendimento. Appare decisamente inapplicabile l’imposizione di orario aggiuntivo di lavoro per il personale docente al fine di garantire l’applicazione delle disposizioni relative alla didattica a domicilio o altre disposizioni relative alla didattica integrata.

Tutto ciò premesso, in relazione anche alle prescrizioni del DPCM del 04 novembre 2020 e successiva Circolare applicativa sulla Didattica Digitale Integrata, si ritiene opportuna l’adozione di provvedimenti aderenti alle delibere degli organi collegiali, in linea con le disposizioni ministeriali ma anche con quelle contrattuali, ai fini di una migliore realizzazione delle finalità didattico educative ed inclusive della scuola.

scarica e aiutaci a diffondere le indicazioni FLC CGIL Cagliari sull’applicazione delle disposizioni nazionali didattica digitale integrata